La lettera di Reza Khandan per la ceremonia della premiazione della Liberta ad scrivere - The Feminist School
     
  Home
About Us
News
Articles
Campaign
Help We Need
Movement Detainees
Events
Our Supporters
Iranian Women in the Media
Iranian Women’s Calendar
Deutsch
Italiano
Français
فارسی
Facebook
Links
Contact Us
In the same section
  -Khordad ( mese iraniano dal 21 Maggio al 21 Giugno) / Poesia di Mandana Zandian
 
  -Poesia di Ghazal Moradi per Nasrin Sotoudeh
 
  -Apello per la solidarietà con il Movimento delle donne iraniane: con le farfalle per la Pace
 
  -Lettre de Nasrine Sotoudeh au responsable de la justice
 
  -Lettera di Nasrin Sotoudeh al capo della magistratura iraniana:"Il vostro giudice ha confermato che le donne iraniane non possono essere ignorate!"
 
  -La lettera di Nasrin Sotoudeh a Haleh Sahabi: Il Giglio bianco che avevi raccolto dal cortile del carcere è appassito
 
  -La lettera di Nasrin Sotoudeh a suo Marito, alla vigilia del annullamento della sua licenza per praticare suo lavoro: con e senza la licenza, sono contraria a queste condanne
 
  -Maryam Bahreman attivista del movimento delle donne iraniane è stata arrestata
 
  - La lettera di Nasrin Sotoudeh a suo figlio Nima, sul un fazzoletto di carta dal prigione Evin
 
  -La lettera di Reza Khandan per la ceremonia della premiazione della Liberta ad scrivere
 

 


The Web
The Feminist School

 

Home page > Italiano > La lettera di Reza Khandan per la ceremonia della premiazione della (...)

La lettera di Reza Khandan per la ceremonia della premiazione della Liberta ad scrivere

Wednesday 4 May 2011

print


Gentile Presidente, rispettabili membri del PEN

Come sapete, molti scrittori, poeti, artisti e politici di tutto il mondo, hanno speso anni della loro vita nelle prigioni di diversi paesi, in difesa della libertà e, in particolare, della libertà di espressione. In quei momenti, molti di loro hanno creato opere eterne: memorie dal carcere, lettere, poesie e libri, che sono uniche e insostituibili.

Il 17 marzo 2011, i funzionari del carcere hanno fatto irruzione nella cella di Nasrin confiscando l’unica penna che era riuscita a nascondere agli occhi delle guardie e tutte le salviette di carta su cui aveva scritto i suoi appunti. Questo significa che non potrà più scrivere ai tribunali, che è stata privata del diritto di scrivere alla sua famiglia, che non potrà scrivere articoli e libri né scritti personali. Le è stato impedito di scrivere le memorie riguardanti il suo arresto; non può avere una matita per segnare, sul muro del carcere, i giorni che passano.

In passato, il divieto di scrivere non esisteva come norma, e quello che sta succedendo oggi è inconcepibile. È impensabile, infatti, che oggi, ad un prigioniero non venga consentito di scrivere ai propri figli.

In base alla sentenza della Corte, così come stanno le cose, Nasrin rimarrà senza una penna per circa 4000 giorni. E tutto questo senza aggiungere ulteriori accuse.

Il 17 marzo verrà fissato nella storia come la giornata della “libertà di espressione”. Noi e i nostri figli lo onoreremo nel rispetto di tutti coloro che, in tutto il mondo, hanno sacrificato la loro vita in nome della libertà di espressione.

Reza Khandan

Take Action

Sign the petition of one million signatures to end discriminatory laws against women.

- Sign petition (for support of Campaign for One Million Signatures)

- sign the petition (for release of women’s rights activists)


Follow-up of the site's activity RSS 2.0 | Site Map | Private area | SPIP |