Home > Italiano > Le donne attiviste dei diritti sono preoccuppati della condanna di Aliyeh (...)

Le donne attiviste dei diritti sono preoccuppati della condanna di Aliyeh Eghdamdoust

mercoledì 4 febbraio 2009, di admin

Tutte le versioni di questo articolo: [Deutsch] [English] [italiano]

Source: http://milionedifirme.blogspot.com/2009/02/le-donne-attiviste-delle-diritti-sono.html

Le guardie della tribunale rivoluzionaria di Teheran hanno arrestato Alieh Eghdamdoust l’attivista del movimento delle donne iraniane e dalla sua casa a Fuman(nord Iran) l’hanno portato al carcere di Evin , codannata a 3 anni di reclusione.

Il motivo della sua condanna é partecipazione ad un manifestazione pacifico contro le leggi discriminatorie insieme a tante altre donne il 12.06.2006 in Piazza Haft tir in Teheran.
.
Questo sconvlgente notizia ha sbalordito tutte le donne del movimento.

Per la legge iraniana (Articolo 27 della costizione) manifestazione pacifiche è legalmente riconosciuta e la condanna a Alieh Eghdamdoust non e giuridicamente accettabile e ne meno giustificabile.
.
Attuazione della sentenza di Alieh Eghdamdoust indica i primi passi nel realizzare le sentenze contro Il movimento delle donne iraniane.
.
Mentre i difensori Del diritto e vari gruppi delle movimento delle donne hanno spesso denunciato al tribunale i casi contro le violazioe delle forze di polizia, l’autorita giudiziaria in nessun caso hanno mostrato alcune interesse e nessuno degli ufficiali presecutori è stato convocato al tribunale per gli spiegazioni.

Tali misure alla soglia della giornata mondiale della donna (8 Marzo) ci costringe a concludere che gli escutori di tali norme e reglamente ingiuste, cercano più pressione contro il movimento delle donne.

Ma deve essere ricordato che Il movimento delle donne nel corso del ultimi anni della sua attività, ha dimostrato che le attiviste sempre seguono un percorso pacifico e legale e la autoritàdovrebbe sapere che anche loro hanno delle limite e non rimarranno sempre silenziose.

Contro un azione veloce e illegale da parte del’autoritàmobiliteranno tutti i mezzi per opporsi a questi processi che violano i promessi per i diritti umani.

Alla fine, noi i diversi gruppi di Donne del movimento condanniamo questa esecuzione ingiusta contro Aliyeh Eghdam doust e chiediamo a tutte le autoritàcompetenti in particolare il capo della magistratura, di liberare rapidamente Alieh EghdamDoust e farla tornare alla sua vita normale.

30 gruppi delle diverse assosiazioni delle donne hanno firmato questo appello da cui qualche gruppo sono:

Association of Iranian Women

Feminist School

Women’s Field

Women’s Committee of Tahkim Vahdad ( Solidarity ) Organization

Repertoire Committee of Human Rights

Human Rights Committee of Iranian Scholars Organization

Women’s Commission of Tahkim Vahdat ( Solidarity ) Office Iranian Researchers’ Association

Pars Women’s Association

Rah Avard Association

Farasoo Association ( Tabriz )

Campaign of Italy

Fasl-e Sabz ( Green Season ) Site

Avaye Zan Journal

Independent Society of Iranian Women in Austria

Hastia Andish Association

chi è Alieh Eghdamdoust?

Aliyeh ha 57 anni è laureata in letteratutre Persiana , attualmente non lavora ma era professoressa del liceo. Lei è un difensore dei diritti della donna, è stata arrestata durante la manifestazione contro le leggi discriminatorie contro le donne in Piazza Haft tir il 12 giugno 2006, e ha trascorso una settiman in carcere( nel carcere quando il giudice l’aveva chiesto per che sei andata in Piazza lei aveva detto al giudice lei perche non era in piazza?).Lei ha avuto la sentenza dalla corte rivoluzionaria per tre anni e quatro mesi di carcere obbligatorie e 20 frustate.In fine la condanna è stata ridotta a tre anni e senza 20 frustate.

Alieh Eghdamdoust è stata trasferita sotto la supervisione del guardia della corte rivoluzionaria il 29.01.2009 dalla sua cita Fuman in nord Iran a prigione di Evin a Teheran.

Nasim Ghanavi è l’avvocato di Eghdamdoust ha potuto sentirla al telefono. Lei aveva racontato che da casa sua a Fuman (nord Iran) l’avevano portato a Teheran e al Prigone di Evin per passare i suoi tre anni di condanna.

Un messaggio, un commento?

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.