Home > Italiano > Testimonio la tua forte volonta’/Simin Behbahani

Testimonio la tua forte volonta’/Simin Behbahani

giovedì 4 dicembre 2008, di admin

Tutte le versioni di questo articolo: [English] [italiano]

Di,Simin Behbahani La grande poetessa iraniana

Cara Nasrin,

apprezzo che tu cammini nella giusta direzione in aiuto dei più deboli e degli oppressi.

I bambini sono innocenti, noi siamo colpevoli.Nessuna persona alla nascita è corrotta o peccatrice.

I nostri bambini davanti alle leggi internazionali non sono responsabili dei loro errori.La colpa è nostra: prima di insegnare loro l’amore insegnamo loro la violenza: il padre picchia la madre, il fratello picchia la sorella, il vicino spacca il muro del vicino, le bombe distruggono le case e le persone.Il bambino impara e, prima di raggiungere l’etàin cui può ragionare con la propria testa, diventa un criminale.E poi tocca a noi: lo condanniamo alla prigione finchè arriva all’etàadulta, quando si capisce cos’è un crimine; a questo punto lo impicchiamo e poi piangiamo la sua morte.Ma i saggi riflettono prima di ucciderlo: lo rieducano, lo perdonano e , quando è pronto, lo restituiscono alla società.Se non fosse così, che differenza ci sarebbe tra noi e quel macellaio che cresce un magro agnello fino a farlo diventare pecora per poi ammazzarla?Cara Nasrin, hai tutto il mio rispetto e tutta la mia gratitudine per il tuo impegno contro le esecuzioni capitali dei giovani; ti ammiro infine perché alle persone sfiduciate (offri la medicina per il loro cuore) dai nuova linfa per incoraggiarle a lottare. I miei congratulazioni a te’ che hai vinto un grande premio,ma ti faccio ricordare che la bravura e il imegno di vincitore valorizza il premio e tu sei riuscitain questo.Auguro la felicita a te e tutte le donne iraniane e il mio onore e’ essere uno di mille di voi.

Una piccola parte della poesia di Simin per Nasrin

Perche il sole e’ nell’ oscurita’?

Dal vosro sospiro ?

La stella e’ impudente.

Che colpa avete?

Un messaggio, un commento?

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.